sitemap


 
questo blog è fermo, per passaggio a nuova veste grafica all'indirizzo http://www.gradiniemappe.com/ (26/03/2015)

orbitali mentali

giovedì 26 agosto 2010

lavori al mmlab: applicazione delle regole della fisica (ma anche della chimica, della matematica, della botanica..) al mondo delle mind map, con i dovuti adattamenti
Immagini sotto: orbitali mentali
orbitali mentali
orbitali mentali
orbitali mentali
image005
orbitali_atomici_idrogeno1
aufleve1
                                                                                                         pag 142

le altre fusioni

venerdì 20 agosto 2010

Ripubblicazione del post le altre fusioni che per un qualche motivo (click su qualche tasto sbagliato?) era sparito da blog. Per la cronaca la prima aggregazone di mind map e’ gia’ stata realizzata (su http://gradiniemappe.blogspot.com/2010/08/la-prima-mappa-di-mappe-mentali.html)
Sotto alcuni esempi di passaggio da uno stato a bassa o nulla aggregazione ad uno stato a maggior aggregazione. Anche le mind map un giorno cominceranno a raggrupparsi, a breve al mmlab di gradiniemappe

Le stelle sono organizzate in galassie, che a loro volta formano ammassi e superammassi, separati da vuoti. Prima del 1989 si pensava comunemente che i superammassi fossero le più grandi strutture esistenti nell'Universo, e che fossero distribuiti più o meno uniformemente in tutte le direzioni. Nel 1989, tuttavia, Margaret Geller e John Huchra scoprirono la "Grande Muraglia", un muro di galassie lungo più di 500 milioni di anni luce e largo 200 milioni, ma spesso solo 15 milioni di anni luce. L'esistenza di questa struttura era rimasta inosservata così a lungo perché richiedeva di localizzare migliaia di galassie in tre dimensioni, cosa possibile solo combinando le coordinate celesti di ogni galassia con l'informazione sulla distanza derivata dallo spostamento verso il rosso.
Negli studi più recenti, l'Universo appare come una collezione di giganteschi vuoti separati da muri efilamenti di galassie, con i superammassi che appaiono come nodi occasionali più densi.
Nuova Legge sulle aggregazioni e separazioni dei Comuni
1906
"È vivo il bisogno e profondamente sentito dai centri di estendere il troppo angusto territorio oramai insufficiente al razionale impianto di pubblici servigi; ma non è meno sentita la necessità da parte di Comuni e frazioni di Comuni delle nostre campagne di raggruppare le loro membra disperse e costituirle in un organismo più forte e vitale, capace di fronteggiare con successo le scabrose esigenze della vita (...).
Certo nel nostro paese occorre reagire oramai contro l’eccessivo spirito di misoneista che si manifesta specie nel campo delle amministrazioni comunali, in certe località le quali, mentre ripetono in gran parte dal centro limitrofo il loro sviluppo, la loro floridezza presente, si trincerano poi dietro considerazioni di serafica rigidezza, per non avere contatto di sorta col vicino, quando invece, le forze riunite di queste enti farebbero la fortuna avvenire e l’utile di tutto il paese".
Rapporto della Commissione d’esame del progetto di Legge sulla costituzione di nuovi Comuni, 26 giugno 1906 in: Verbali del Gran Consiglio, sessione ordinaria 1906, pp.
746-755.
dg2n2ff5_646ghpnsvdw_b2_thumb1
Si definisce molecola (dal latino scientifico "molecula", derivato a sua volta da "moles": mole, "piccola quantità") il più piccolo insieme di atomi aggregati da legami chimici, capace di esistenza allo stato libero e tale da mantenere tutte le proprietà chimiche della sostanza considerata (elemento o composto non ionico). Può esseremonoatomica, cioè costituita da un solo atomo (è il caso dei cosiddetti gas nobilielio, argon, xeno, neon e metalli), o poliatomica, cioè costituita da più atomi, uguali (omoatomica) o diversi (eteroatomica).
CITTÀ-STATO
Centro abitato, di norma con un territorio dipendente, dotato di piena autonomia di governo. Sebbene già presente in tempi antichissimi, per esempio presso i sumeri, la città stato per antonomasia fu la polis greca, che si affermò, tra l'800 e il 700 a.C., probabilmente attraverso l'unione di più villaggi attorno a un luogo sacro, collocato per lo più su un'altura, che costituì l'acropoli. Formata dalla città vera e propria, dai beni rurali circostanti, in mano a singoli cittadini, e da terreni comuni, la polis ebbe le caratteristiche di uno stato indipendente. Nonostante differenze di organizzazione politica ogni polis fu caratterizzata (l'esempio più classico è quello di Atene) da assemblee, da governi eletti dai cittadini, da leggi eguali per tutti i liberi maschi proprietari, dalla libertà d'espressione ecc. Altro esempio di diffusione su larga scala del sistema delle città-stato (o, come è anche possibile definirle, stato-città) furono i comuni medievali, in particolare italiani, anch'essi dotati di piena autonomia amministrativa e politica tanto sul piano interno quanto su quello esterno e governati in modo tendenzialmente democratico.

Mafia

Pentito svela alleanze fra clan

Maxi- operazione con 9 fermi

Le indagini si sono svolte con intercettazioni ambientali e telefoniche e con servizi di osservazione sul territorio
Blitz contro la mafia con nove arresti a Palermo. Nove persone sono state fermate la scorsa notte a Palermo in un'operazione che secondo gli inquirenti ha sventato un serio tentativo di compattare gruppi mafiosi della zona di San Lorenzo-Tommaso Natale-Resuttana e dell'area dell'Acquasanta e dell'Arenella fin qui ritenuti separati e perfino rivali. 
Dall'inchiesta, che ha ricevuto il contributo di un nuovo pentito, è emersa un'inedita alleanza tra le tre cosche, finalizzata alla gestione degli affari illeciti. I clan stavano superando i contrasti per dar vita a una nuova stagione di alleanze inedite con la gestione comune delle attività criminali. 
I fermi, disposti dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, sono stati eseguiti dal centro operativo della Dia, dalla sezione Criminalità organizzata della Squadra Mobile e dai carabinieri del Ros. Le indagini si sono svolte con intercettazioni ambientali e telefoniche e con servizi di osservazione sul territorio che hanno permesso di documentare le dinamiche associative dei due tra i più importanti mandamenti di Cosa Nostra e i loro collegamenti con altre articolazioni dell'organizzazione. 
Sono stati individuati, inoltre, i nuovi capi della famiglia di San Lorenzo e dell'Arenella-Acquasanta, e i loro uomini di fiducia. L'indagine ha evidenziato, ancora una volta, la capillare gestione dell'attività estorsiva sul territorio, e ha svelato gli interessi della mafia, che si serviva di prestanome, su diversi centri scommesse, due dei quali sequestrati.
Il nuovo collaboratore di giustizia, del quartiere Zen, ha ricostruito, nei dettagli, le dinamiche associative degli ultimi anni e, in particolare, la pace suggellata tra due gruppi storicamente nemici: quello che faceva capo al boss Gianni Nicchi, arrestato nei mesi scorsi, e quello dei Lo Piccolo, boss di San Lorenzo. Le nuove alleanze (questo è anche il nome dato all'operazione) avevano l'obiettivo di rafforzare l'organizzazione a Palermo
In gruppo e’ meglio. Se si tratta di uomini la differenza si nota subito
                                                                                                        post 141

mappa anarchica

mercoledì 18 agosto 2010

differenza tra una mappa anarchica ed una mappa repubblicana. Ad una prima occhiata non c'e' confronto



                                                                                                       pag 140

fusione tra mappe: il video

martedì 17 agosto 2010

il video di una fusione tra due mappe mentali


                                                                                                       pag 139

la prima mappa mentale di mappe mentali

la prima mappa di mappe mentali, un raggruppamento di mappe delle etichette del blog gradiniemappe.blogspot.com riunite a formare una nuova mappa
label
3d antimappa
biblioteca blogradiale
centro concettomentali
cosa manca decisioni
distanza fusioni
laboratorio max7
micromacro monopoli
on off regole
servizio tempo
                                                                                                       pag 138

pubblico e privato

martedì 10 agosto 2010

Definizione grafica di pubblico e privato, visto come accessibilita’ o meno ad un qualcosa (simboleggiato nelle immagini dalle persone, visibili nello spazio aperto e non visibili nel chiuso della casa)

pubblico privato
privato: non è dato sapere se ci sono persone nella casa
2
pubblico e privato: l’ambiguita’ tormentone dei nostri giorni
pubblico privato 2
pubblico: tutte le persone sono visibili

 

 

sotto meglio la proprieta’ privata quando si ha qualcosa da nascondere, una qualche refurtiva, dei conti in rosso da non mostrare, dei diritti da negare

 pubblico privato 3
quando invece non siamo noi i gestori, meglio la proprieta’ pubblica
pubblico privato 4
 
pubblico privato 5

 

in generale se i negozianti-politici-ladri siamo noi e’ meglio dire che sono fatti nostri, che è proprieta’ privata.

Se invece siamo dall’altra parte della barricata, clienti-sudditi-poliziotti e’ sempre meglio dire che è proprieta’ pubblica

                                                                                                       pag 137

perche’ le anticartelle

 

   
volpe uva  
uno degli specchi piu’ evoluti (piu’ evoluti perchè non è solo teoria come in altri campi ma molta molta pratica) della nostra mente, l’esplora risorse di windows.
Come per le mind map ci sono le categorizzazioni e le gerarchizzazioni
manca ancora in windows l’antiwindows, di pari passo con la nostra ignoranza su come funzionino ed interagiscano tra loro i due emisferi del nostro cervello.
 
volpe uva 2  
   
le domande del mmlab: assodato che questo (immagine sopra, windows ed antiwindows) sia il futuro dei sistemi operativi, a cosa servono cartelle ed anticartelle?  
 volpe uva 3  
nella immagine sopra una ipotesi: premesso che se si è un mondo l’antimondo e’ inaccessibile e viceversa (metafora della volpe e dell’uva) le informazioni sono poste una parte nel mondo ed un’altra parte nell’antimondo,  
volpe uva 4   
per ricordare la cifra 1980 il cervello mette il 19 in un mondo e l’80 nel suo antimondo (la metafora della volpe e’ in realta’ non corretta, perche’ la volpe vede ma non puo’ toccare l’uva. Il cervello invece non vede l’altra meta’)  
                                                                                                        

                                                                                                        pag 136

,
   

privacy si o no

lunedì 9 agosto 2010

una mia amica si è lamentata del servizio rilevamento visite dei siti, non voleva che una persona che le stava un po’ antipatica sapesse che aveva visitato il suo sito, e per questo appena se ne è accorta ha subito chiuso la connessione. Altre volte non guarda un blog (compreso il mio suppongo) perchè altrimenti se poi l’autore si accorge della visita si monta la testa. Ci possono essere molti altri motivi per cui non si vuole fare sapere se, come e quanto si è navigato in un blog, e la cosa piu’ giusta in questo caso sarebbe lasciare al visitatore la facolta’ di scegliere se essere monitorati o meno. Per questo gradiniemappe si sdoppia, al blog ufficiale si affianca un blog uguale (uguale nei post, ci potranno essere delle differenze nel template, nelle barre di navigazione, ecc) ma che non contiene nessun servizio di rilevamento visite, nessun contatore.

Garantito. Paghero’ 10.000 euro a chiunque dimostri che io in qualche maniera  ho monitorato i visitatori del blog http://gradiniemappeprivacy.blogspot.com/  (è l’indirizzo di gradiniemappe versione privacy)

 notebook-privacy

questa ragazza ha risolto il problema della privacy del suo notebook
privacy 2
privacy si o no? In entrambi i casi si tratterebbe dell’ennesimo monopolio simbolo di arretratezza. Per andare in paradiso bisogna prendere tutte e due le voci e non una o l’altra
                                                                                                          pag 135

stessa timeline

venerdì 6 agosto 2010

nella prima immagine, dal web, una mappa delle evoluzioni del pensiero.
L’autore ha diviso la mappa in quattro sottocategorie, livellandole. Ma possibile che politica, storia, filosofia, religione, matematica siano tutte allo stesso livello evolutivo? (immagini sotto, arretratezza simbolica di storia, politica..)
TimeLineMap
TimeLineMap 2
TimeLineMap 3
                                                                                                        pag 134

principi generali

giovedì 5 agosto 2010

lavori al mmlab: la catalogazione di principi generali e la ricerca di realta’ ferme a standard inferiori alle proprie possibilita’
Sotto un esempio di principio generale: l’uso della gerarchia attraverso livelli e sottolivelli, nei segnalibri di google chrome: la cartella travel contiene al suo interno altre cartelle
livelli
nella immagine sotto, invece, le schede di navigazione dello stesso google chrome: non ci sono le sottoschede
livelli 2
sotto google chrome con l’aggiornamento
Il cervello lavora meglio quando puo’ usare i livelli per categorizzare, e questo vale sia per le cartelle di windows che per le schede di chrome
livelli 3
livelli 4


le ricerche del mmlab: quali altre realta’ non usano i sottolivelli quando potrebbero benissimo farlo?
                                                                                                           pag 133